Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato ieri in serata di aver rinviato la demolizione del villaggio sul quale pende una decisione della Corte suprema.

KEYSTONE/EPA REUTERS POOL/AMIR COHEN / POOL

(sda-ats)

Slitta la sentenza di morte emessa da Israele nei confronti del villaggio beduino di Khan al-Ahmar, in Cisgiordania, dove si trova la Scuola di gomme, diventata il simbolo della protesta di quanti si sono mobilitati per la sopravvivenza di questo luogo.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu ha annunciato ieri in serata di aver rinviato la demolizione del villaggio sul quale pende la decisione della Corte suprema che ha stabilito - dopo una lunga battaglia giudiziaria - che gli abitanti di Khan Al-Ahmar dovevano demolire da soli le proprie case e tutte le strutture del sito entro il primo ottobre del 2018. In caso contrario, ad ultimatum scaduto, toccherebbe ai bulldozer dell'esercito di Tel Aviv di radere al suolo il villaggio.

Secondo i media israeliani, l'obiettivo del premier israeliano, con questo rinvio, è di "fare di tutto per portare avanti il processo negoziale e le proposte giunte da varie fonti, incluse quelle arrivate negli ultimi giorni".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS