Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Unione svizzera dei contadini (USC) ha vietato ai produttori affiliati al programma Gestione Qualità carne svizzera (GQ carne) di utilizzare mangimi contenenti olio di palma. Immagine d'archivio.

KEYSTONE/GAETAN BALLY

(sda-ats)

L'Unione svizzera dei contadini (USC) ha vietato ai produttori affiliati al programma Gestione Qualità carne svizzera (GQ carne) di utilizzare mangimi contenenti olio di palma per gli animali da reddito. I produttori di latte li avevano già banditi ad inizio anno.

L'USC si batte già da tempo contro l'aumento dell'importazione di olio di palma, ricorda in un comunicato odierno. In tale contesto, rappresentanti del settore hanno deciso, da poco più di un anno, di eliminare l'olio di palma da numerosi alimenti concentrati, in cui viene dichiarato come grasso vegetale.

Per bandire completamente questo prodotto dai mangimi per il bestiame da reddito, GQ carne ha deciso di rafforzare le proprie direttive di produzione vietandone l'utilizzo.

L'agricoltura svizzera intende dare l'esempio, sottolinea l'unione, che invita l'industria alimentare e la politica ad agire. Secondo l'USC, i prodotti trasformati per il consumo umano contengono ancora molto olio di palma.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS