Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In passato l'organizzazione dei Giochi olimpici ha avuto ripercussioni sul turismo invernale

KEYSTONE/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Quattro progetti elvetici sono ancora in lizza per organizzare i Giochi olimpici e paralimpici invernali del 2026. Lo ha indicato stasera Swiss Olympic, precisando che i dossier delle candidature devono essere inoltrati entro il prossimo 15 dicembre.

Dei cinque gruppi che in giugno avevano ufficialmente presentato la loro candidatura a Swiss Olympic, rimangono in corsa "Olympia Graubünden 2026" (Grigioni, con il sostegno di Zurigo), "The Swiss Made Winter Games" (Romandia e canton Berna), "2026 - Games for our future" (tutto il Paese) e"Switzerland 2026" (multiregioni). Non è invece più in lizza il progetto "Zentralschweiz 2026 (Svizzera centrale), si legge nella nota, nella quale non si forniscono pero i dettagli della sua esclusione.

I responsabili dei rimanenti quattro progetti hanno partecipato oggi a una riunione presso la sede di Swiss Olympic a Ittigen (BE) e hanno potuto testare le loro idee per l'organizzazione delle Olimpiadi invernali.

Finora la Svizzera ha ospitato due volte i Giochi olimpici invernali e sempre a St. Moritz, nel 1928 e nel 1948.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS