Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Swissmem raccomanda di votare "no" all'iniziativa popolare dei Verdi "Per un abbandono pianificato dell'energia nucleare" (foto simbolica d'archivio).

Keystone/CHRISTIAN BEUTLER

(sda-ats)

Swissmem raccomanda di votare "no" all'iniziativa popolare dei Verdi "Per un abbandono pianificato dell'energia nucleare" su cui popolo e cantoni saranno chiamati a pronunciarsi il prossimo 27 novembre.

Secondo l'organizzazione padronale dell'industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica, "un'uscita prematura e costosa dall'atomo costituirebbe un'azione avventata che ostacolerebbe la sicurezza dell'approvvigionamento delle economie domestiche e delle aziende".

A suo avviso, in caso di "sì" all'iniziativa, circa il 15% della produzione svizzera di elettricità verrebbe a mancare nell'inverno 2018 senza essere sostituita.

La modifica costituzionale prevede lo spegnimento delle centrali nucleari di Beznau I e II (AG) e di Mühleberg (BE) già nel 2017, ovvero l'anno seguente l'eventuale accettazione del testo. Gli impianti di Gösgen (SO) e di Leibstadt (AG) verrebbero disattivati rispettivamente nel 2024 e nel 2029, ossia 45 anni dopo la loro messa in esercizio.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS