Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Un'immagine simbolica mostra un uomo camminare nel parco del castello di Nymphenburg a Monaco di Baviera (foto d'archivio).

Keystone/AP/Matthias Schrader

(sda-ats)

Un indennizzo di 130 mila franchi: questa la somma che dovrà pagare uno dei tre giovani zurighesi condannati a Monaco di Baviera per l'aggressione di cinque persone avvenuta nel giugno 2009 durante una gita scolastica. Lo ha deciso un tribunale della città tedesca.

La somma servirà a coprire eventuali problemi sanitari che dovessero sorgere a seguito di quell'episodio di violenza. Il giovane, oggi 23enne, è considerato il responsabile principale del pestaggio avvenuto la sera del 30 giugno 2009, quando tre allievi di una classe della scuola di avviamento professionale di Küsnacht (ZH) in gita scolastica - due svizzeri ed uno sloveno all'epoca 16enni - picchiarono senza alcun motivo apparente cinque persone.

Gli adolescenti aggredirono tre disoccupati, fra cui un disabile, che si trovavano in un parco, un manager 46enne, preso a pugni e calci anche quando già si trovava a terra, e uno studente bulgaro incontrato per caso dai tre mentre rientravano nell'ostello dov'erano alloggiati.

Il principale accusato è stato condannato nel novembre del 2010 dalla Camera minorile del Tribunale regionale di Monaco a sette anni di prigione per tentato assassinio e lesioni pericolose. Nel 2013, quando mancavano ancora 1'050 giorni da scontare, la pena è stata sospesa con la condizionale. Gli altri due partecipanti alla scorribanda erano stati condannati a due anni e dieci mesi di prigione (per lesioni pericolose) e rispettivamente a quattro anni e dieci mesi (per tentato assassinio e lesioni pericolose). Sono usciti dal carcere e sono rientrati in Svizzera nella primavera 2012 e nell'estate successiva.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS