Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I repubblicani della Camera lanciano l'affondo all'Obamacare.

KEYSTONE/EPA/MICHAEL REYNOLDS

(sda-ats)

I repubblicani della Camera lanciano l'affondo all'Obamacare. Dopo una lunga attesa, la destra americana presenta la sua proposta per abolire e sostituire la riforma sanitaria dell'ex presidente Barack Obama, una delle più significative degli ultimi 50 anni.

Ma la strada non è in discesa: al testo i repubblicani sono arrivati dopo una dura trattativa, e spaccati. Il compromesso raggiunto non soddisfa molti e rischia di naufragare. L'abolizione e la sostituzione dell'Obamacare è una delle promesse fatte dal presidente Donald Trump in campagna elettorale: il suo primo atto dallo Studio Ovale il giorno dell'Inaugurazione è stato proprio un decreto per spianare la strada contro l'Obamacare.

La misura, chiamata American Health Care Act, è contenuta in 66 pagine, in cui sono dettagliate le iniziative da prendere e le modifiche da effettuare. Nessun accenno per ora ai costi. Il sistema di sussidi dell'Obamacare è sostituito da crediti fiscali rimborsabili legati all'età e al reddito, che puntano ad aiutare gli americani ad acquistare l'assicurazione quando il datore di lavoro non la concede.

Vengono aboliti sia l'obbligo di acquisto dell'assicurazione, sia le previste sanzioni per chi sottrae. Mantenuta l'espansione del Medicaid almeno fino al 2020. La proposta sarà valutata già nelle prossime ore, probabilmente mercoledì, da una commissione della Camera e, se passerà, inizierà ufficialmente il suo percorso in Congresso.

Lo speaker della Camera, il repubblicano Paul Ryan, promuove la riforma, che si tradurrà in benefici per gli americani. E assicura allo stesso tempo un processo di abolizione dell'Obamacare trasparente al pubblico. Ma i repubblicani sono spaccati. Quattro senatori di destra si sono già detti perplessi perché la misura non tutela adeguatamente i loro Stati. Altri tre criticano alla base l'approccio della Camera.

La battaglia quindi si preannuncia difficile, soprattutto sul fronte dei costi con i repubblicani che hanno promesso risparmi e più scelta per gli americani, ma non hanno chiarito né i costi né come aumentare le possibilità di scelta.

SDA-ATS