Tutte le notizie in breve

Scontri tra alcuni partecipanti alla marcia svoltasi al Brennero contro le politiche Ue sui migranti, organizzata dai centri sociali, e la polizia austriaca. I tafferugli sono avvenuti al termine, quando i manifestanti sono giunti sul lato austriaco del confine.

Diversi di loro, una cinquantina, avrebbero lanciato sassate e bengala contro gli agenti, ferendone cinque. Alcuni giovani, hanno reso noto le autorità austriache, sono stati fermati.

La situazione al confine, dunque, si fa incandescente, ancora prima che Vienna abbia messo in atto i controlli annunciati da tempo e confermati ufficialmente ieri, tesi ad evitare un eccessivo afflusso di migranti sul territorio austriaco.

La manifestazione si era svolta in tutta regolarità, finché i manifestanti si trovavano in territorio italiano. Il corteo aveva percorso senza incidenti le vie del paesino di Brennero, semi-abbandonato dopo la caduta dei confini europei, gridando slogan contro le politiche restrittive sulle migrazioni. Una volta giunti in territorio austriaco, si sono trovati di fronte ad un imponente spiegamento di forze di sicurezza: sono volate sassate e sono stati lanciati bengala. Cinque i poliziotti feriti durante i tafferugli, hanno reso noto le autorità nella regione austriaca del Tirolo.

Per il servizio d'ordine, da parte austriaca sono stati impiegati 100 poliziotti, coadiuvati da un elicottero. Presenti anche la Croce Rossa con sette autolettighe e i vigili del fuoco.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve