Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

A tre anni dalla "illegale annessione della Crimea e della città di Sebastopoli da parte della Russia, la Ue resta fermamente impegnata nei confronti della sovranità e dell'integrità territoriale dell'Ucraina".

Lo afferma l'alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini, in una dichiarazione "a nome dei 28 paesi Ue" in cui "la Ue ribadisce che non riconosce e continua a condannare questa violazione del diritto internazionale" che "resta una diretta sfida alla sicurezza internazionale, con gravi implicazioni all'ordine legale che protegge l'unità e la sovranità di tutti gli stati".

Il 18 marzo 2014 la Russia ha proclamato l'annessione della Crimea e di Sebastopoli dopo un referendum la cui legittimità è stata contestata dalla comunità internazionale.

SDA-ATS