Tutte le notizie in breve

Fare il parrucchiere non sembra più essere il sogno di molti (foto d'archivio).

Keystone/PETER KLAUNZER

(sda-ats)

I giovani faticano a trovare un posto d'apprendistato come impiegato di commercio o nel ramo del sociale. In alcuni settori però, come l'agricoltura o l'edilizia, si presenta il problema inverso: non si trovano abbastanza candidati.

Il problema non è nuovo, ma si conferma sempre di più la mancanza di interesse dei giovani per professioni quali macellaio, muratore o falegname, che hanno ormai una carenza cronica di personale. Anche fare il parrucchiere non sembra più essere il sogno di molti.

"La lotta per reclutare buoni allievi alla fine della scolarità si è fatta più dura. I giovani hanno sempre più la tendenza a optare per una formazione universitaria", ha riferito all'ats il responsabile della formazione professionale della Società svizzera degli impresari-costruttori Ueli Büchi.

Secondo gli ultimi dati ufficiali, a livello svizzero nel settore della carne ci sono 300 posti d'apprendistato vacanti, mentre per quel che riguarda l'edilizia solo 6500 giovani si sono dichiarati interessati al settore, per 9000 posti offerti. Per lo specifico mestiere del muratore rimangono 200 posti disponibili.

Un'altra professione che soffre è quella del parrucchiere, ha affermato Sergio Casucci, del centro d'orientamento della città di Zurigo. "Molto probabilmente a causa degli stipendi troppo bassi", ha aggiunto.

Rimangono invece molto ambiti i posti nel ramo del commercio, ha sottolineato Marine Ding, consulente per il canton Friburgo. Settori in salute restano anche quelli del sociale, della sanità e dell'informatica.

Visto il contesto, chi è ancora alla ricerca di un posto d'apprendistato a breve termine dovrà molto probabilmente dare prova di flessibilità. Secondo Marco Battaglia, dell'ufficio di consulenza del canton Berna, "bisogna ampliare i propri desideri" nella selezione della propria professione.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve