Tutte le notizie in breve

Alexander Van der Bellen si era imposto nel voto del 22 maggio.

KEYSTONE/EPA/CHRISTIAN BRUNA

(sda-ats)

Il ballottaggio per le presidenziali austriache, in programma il 2 ottobre, è stato rinviato per difetti alle buste per il voto per corrispondenza. La colla della striscia autoadesiva non tiene, rendendo il voto nullo.

Lo ha annunciato il ministro dell'interno Wolfgang Sobotka. Il voto del 22 maggio, che vide il Verde Alexander Van der Bellen imporsi sull'ultranazionalista Norbert Hofer per una manciata di voti, era stato annullato per irregolarità nello scrutinio dei voti per posta.

Il rinvio - ha spiegato il ministro - deve essere sancito dal parlamento, perché l'attuale legge elettorale non prevede un rinvio per motivi tecnici, ma solo per il decesso di uno dei candidati. Sobotka ha auspicato che il ballottaggio possa svolgersi il 27 novembre oppure il 2 dicembre.

L'intervento del parlamento è anche necessario per aggiornare l'elenco degli avventi diritto al voto. Il ballottaggio del 22 maggio era stato annullato dalla Corte costituzionale e il voto il 2 ottobre sarebbe stato ripetuto con l'elenco degli elettori della primavera.

Come ha spiegato il ministro, l'ulteriore rinvio rende però necessario un aggiornamento dell'elenco. "Nel frattempo migliaia di persone sono decedute e migliaia hanno compiuto 16 anni e potrebbe ormai votare", ha spiegato Sobotka.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve