Tutte le notizie in breve

Negli ultimi quattro mesi 92 sospetti militanti di organizzazioni separatiste e ribelli sono stati uccisi nella provincia del Baluchistan, nel sud ovest del Pakistan. Lo riferiscono oggi i media locali.

In una conferenza che si è tenuta ieri nel capoluogo di Quetta, i responsabili del corpo paramilitare dei Frontier Corps (FC) e di altre forze di sicurezza hanno detto di avere realizzato 417 operazioni di intelligence a partire da dicembre in tutta la provincia che confina con Afghanistan e Iran. Tra i militanti uccisi nei raid, ci sono alcuni super ricercati, tra cui il numero due del gruppo separatista Balochistan Liberation Army e il comandante del Baloch Liberation Front. In totale, nelle operazioni sono state arrestate 1.844 persone ed è stata sequestrata una grande quantità di armi ed esplosivi. In particolare, nei covi dei ribelli sono stati trovati 820 armi di diverso tipo e oltre 10 tonnellate di materiale esplosivo. L'altra settimana in Baluchistan, le forze dell'ordine hanno arrestato anche una sospetta spia indiana dei servizi segreti Raw accusata di "fomentare" disordini nella provincia.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve