Tutte le notizie in breve

L'alleanza rosso-verde si sfalda nella città di Berna, dove governa da 24 anni, a causa di dissidi sul colore del futuro sindaco. I tre partiti che la compongono hanno annunciato oggi che "verosimilmente" non ci sarà una lista comune per il Municipio al novembre.

"Dopo lunghe trattative tra i vertici di partito è verosimile che i partner dell'attuale coalizione non affronteranno con una lista comune le elezioni per il Municipio del 27 novembre 2016 e andranno dunque ciascuno per la propria via", afferma un comunicato congiunto del Partito socialista, dell'Alleanza verde (Grünes Bündnis, GB) e della Grüne Freie Liste (GFL).

Motivo del dissidio sono "le differenti vedute riguardo al numero di candidature per la carica di sindaco", che non hanno potuto essere superate: tutti e tre i partiti membri dell'alleanza mirano ad avere uno dei loro sulla prestigiosa poltrona al posto del socialista uscente Alexander Tschäppät, che lascia a fine 2016 dopo 12 anni alla testa della Città.

Il PS vuole vedere al suo posto la municipale Ursula Wyss, ma i due partner di esecutivo non ci stanno più a lasciare il prestigioso incarico a un socialista, come è sempre stato da quando governa la coalizione: l'Alleanza verde candida la collega d'esecutivo Franziska Teuscher, la GFL Alec von Graffenried. Tutti e tre sono stati consiglieri nazionali.

I dissidi riguardano solo la candidatura a sindaco. I partner dell'alleanza rosso-verde sarebbero stati invece d'accordo sulla composizione della lista dei candidati al Municipio, ha detto oggi il copresidente del PS Stefan Jordi al radiogiornale regionale della Radio SRF.

La rottura non è ancora del tutto definitiva. Nei prossimi giorni i tre partiti terranno le assemblee dei delegati. Nel frattempo continuano i colloqui ai vertici, nel tentativo di un salvataggio in extremis dell'alleanza. La presidente della GB Stéphanie Penher, interpellata dall'ats, teme che senza lista comune sarà difficile per i verdi mantenere il loro seggio nell'esecutivo.

Nell'attuale Municipio di cinque membri l'alleanza rosso-verde detiene tre poltrone: due occupate dai socialisti Tschäppät e Wyss, la terza dalla verde della GB Teuscher. Sulle altre due siedono un esponente del PPD (Reto Nause) e uno del PLR (Alexandre Schmidt).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve