Berset a Conferenza per migliore integrazione persone disabili


 Tutte le notizie in breve

Il consigliere federale Alain Berset.

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

Occorre una migliore integrazione delle persone disabili nel mercato del lavoro. È l'obiettivo di una Conferenza nazionale aperta oggi a Berna dal consigliere federale Alain Berset.

Nel suo discorso, il ministro della socialità ha sottolineato come "la solidarietà vissuta in Svizzera esiga l'integrazione di tutte le persone. Non basta fornire sostegno, si devono anche abbattere gli ostacoli esistenti nel mondo del lavoro". A suo avviso, "l'integrazione professionale dei disabili è un vantaggio per i diretti interessati, per l'economia e per la società nel suo insieme".

Alla Conferenza nazionale, che si snoderà in tre tappe sull'arco del 2017, partecipano i principali attori coinvolti nell'integrazione delle persone disabili: le associazioni di categoria, i datori di lavoro e i sindacati, i medici, gli specialisti attivi negli ambiti scolastici e formativi, i responsabili dell'AI e di altre assicurazioni nonché le autorità cantonali e gli uffici federali.

Nel corso del primo incontro si dovranno definire le principali necessità d'intervento e verrà approvata una dichiarazione comune d'intenti, si legge in una nota odierna dell'Ufficio federale delle assicurazioni sociali (UFAS). Durante il secondo appuntamento, che si terrà il 18 maggio, si esamineranno possibili misure per una migliore integrazione dei disabili, mentre in occasione dell'ultimo incontro, previsto il 21 dicembre, verrà infine approvato un piano direttore in tal senso.

La Conferenza nazionale per l'integrazione dei disabili nel mondo del lavoro è stata creata in risposta a un postulato di Pascale Bruderer (PS/AG), accolto nel 2015 dal Consiglio degli Stati, ed è organizzata dal Dipartimento federale dell'interno.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve