Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura positiva per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8401,37 punti, in progressione dello 0,27% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,32% a 9199,99 punti.

Gli investitori osservano con attenzione gli sviluppi della campagna per le elezioni presidenziali in Francia, la crisi del debito in Grecia e i problemi delle banche italiane. Inoltre stanno aumentando i dubbi circa il nuovo corso del presidente americano Donald Trump.

Sul fronte interno l'attenzione è concentrata su Zurich (-0,46%), che ha reso noto un utile 2016 in linea con le attese. Hanno informato sull'andamento degli affari anche diverse aziende del mercato allargato.

L'avvio di seduta è stato al rialzo anche pure altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax +0,36% a 11'584,40 punti), Londra (Ftse 100 +0,20% a 7203,23 punti), Parigi (Cac 40 +0,55% a 4793,01 punti) e Milano (Ftse Mib +0,39% a 18'845 punti).

Wall Street ha terminato ieri in modo contrastato (Dow Jones -0,18% a 20'044,79 punti, Nasdaq +0,15% a 5682,45 punti), mentre oggi Tokyo ha arretrato (Nikkei -0,53% a 18.907,67 punti).

SDA-ATS