Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Apertura negativa per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 8428,95 punti, in flessione dello 0,27% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,32% a 9175,78 punti.

Il mercato è frenato dalla debolezza delle piazze asiatiche, a partire da quella di Tokyo (Nikkei -0,88% a 19'095,24 punti), sulla scia di un nuovo acuirsi dei timori relativi alla conseguenze della Brexit. Gli impulsi provenienti dagli Usa sono neutrali: Wall Street venerdì ha terminato contrastata (Dow Jones -0,03% a 19'885,73 punti, Nasdaq +0,48% a 5574,12 punti).

Oggi è attesa una seduta ancora relativamente tranquilla, ma da domani la stagione dei bilanci annuali tornerà di prepotenza: informeranno sull'andamento degli affari Geberit (-0,17%) e diverse aziende del mercato allargato. Nei primi scambi tutte le blue chip sono orientate al ribasso, con l'unica eccezione di Syngenta (+0,07%).

L'avvio di seduta è con il segno meno pure sulle altre piazze europee. Nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -0,80% a 11'538 punti), Londra (Ftse 100 -0,10% a 7331 punti), Parigi (Cac 40 -0,79% a 4883 punti) e Milano (Ftse Mib -1,10% a 19'298 punti).

SDA-ATS