Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera chiude in lieve rialzo una seduta trascorsa quasi interamente in territorio negativo. L'indice dei valori guida SMI ha terminato a 8424,86 punti, su dello 0,09% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI ha guadagnato lo 0,10% a 9175,24 punti.

Dopo la partenza sprint della settimana scorsa (SMI +2,4%), il mercato ha sembrato voler tirare il fiato e ha galleggiato a lungo in una fascia di lieve ribasso. Tra gli investitori si sta facendo strada una certa prudenza: vi è in particolare attesa per la conferenza stampa che il presidente americano eletto Donald Trump terrà mercoledì. Il 20 gennaio il miliardario assumerà la nuova funzione.

In primo piano è tornata anche la politica monetaria, con le dichiarazioni del presidente della Federal Reserve di Boston, che si è espresso a favore di un ritmo più sostenuto di rialzo dei tassi.

L'attenzione comincia inoltre a spostarsi verso la nuova stagione dei risultati aziendali. Domani sul fronte interno sarà Sika (+0,50% a 4813,00 franchi) ad aprire le danze, con la comunicazione del dato sul fatturato.

Volatili si sono rivelati per tutta la giornata i bancari Credit Suisse (+0,13% a 15,91 franchi), UBS (-1,18% a 16,80 franchi) - che stando a notizie di stampa punterebbe ad aumentare la sua quota in una joint venture cinese - e Julius Bär (-1,38% a 47,20 franchi), tutti titoli che si erano messi in luce nella prima settimana dell'anno. Nello stesso comparto finanziario sono scivolati all'indietro gli assicurativi Zurich (-0,35% a 284,60 franchi), Swiss Life (-0,40% a 297,10 franchi) e Swiss Re (-0,77% a 96,05 franchi).

Tutti negativi hanno chiuso i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (-0,41% a 21,85 franchi), Adecco (-0,07% a 69,35 franchi), Geberit (-0,15% a 409,70 franchi) e LafargeHolcim (-0,92% a 53,65 franchi). Nel segmento del lusso Swatch (+2,78% a 321,10 franchi) e Richemont (+1,19% a 68,20 franchi) hanno approfittato di dichiarazioni riportate dalla stampa domenicale di Jean-Claude Biver (gruppo LVMH) riguardo alla ripresa del settore orologiero.

Hanno cercato di trainare il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,13% a 74,70 franchi), Novartis (+0,33% a 75,00 franchi) e Roche (+0,25% a 241,90 franchi). Completano il quadro dei 20 titoli principali Givaudan (-0,21% a 1865,00 franchi), SGS (+0,62% a 2114,00 franchi), Swisscom (-0,19% a 466,20 franchi) e Syngenta (+1,54% a 414,20 franchi).

Nel mercato allargato dinamica si è rivelata Meyer Burger (+9,33% a 0,82 franchi) grazie a una raccomandazione di Citigroup. Si è messa in mostra anche Galenica (+2,78% a 1183,00 franchi), che ha presentato forti volumi di contrattazione: con l'uscita di scena dell'azionista Sprint Investments viene eliminata una incertezza che pesava sul titolo. Bachem (+7,59% a 104,90 franchi) è salita ai massimi da dieci anni.

SDA-ATS