Tutte le notizie in breve

La borsa svizzera continua a mostrarsi poco dinamica: alle 15.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 8189,42 punti, in progressione dello 0,05% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,02% a 8853,48 punti.

Come ampiamente atteso la Banca centrale europea ha lasciato invariata la sua politica monetaria. Il presidente Mario Draghi ha inoltre promesso che i tassi di interesse resteranno sui livelli attuali o più bassi per un periodo prolungato e che il programma di quantitative easing durerà almeno fino a marzo 2017.

L'istituto di Francoforte ha anche corretto leggermente a rialzo la stima sulla crescita dell'Eurozona nel 2016, ha confermato quella del 2017 e ha limato la stima del 2018.

Sul fronte congiunturale va segnalato il dato sulle richieste disoccupazione negli Usa, migliore di quanto si attendessero gli analisti, e quello sulla creazione di posti nel settore privato, in linea con le aspettative. Gli occhi degli operatori sono anche rivolti alla conferenza Opec di Vienna.

In Svizzera scarseggiano le notizie di rilievo concernenti le blue chip, ma con il trascorrere delle ore i movimenti si fanno più marcati. Dopo alcune sedute deboli rimbalza Credit Suisse (+1,13%), che fra i bancari si mette maggiormente in luce di UBS (-1,06%) e Julius Bär (-1,07%). Stanno scivolando all'indietro gli assicurativi Zurich (-0,75%), Swiss Life (-1,82%) e Swiss Re (-1,18%).

Fra i valori più sensibili ai cicli economici salgono Adecco (+0,58%) e LafargeHolcim (+0,86%), mentre arrancano ABB (-0,19%) - che secondo indiscrezioni sarebbe interessata alla tedesca Kuka - e Geberit (-0,84%). Nel segmento del lusso Swatch (+0,48%) si muove dietro a Richemont (+0,86%).

Swisscom (+0,88%) si riprende dalle perdite di ieri, con il mercato che attende l'esito del voto sull'iniziativa popolare sul servizio pubblico. Svolge una importante funzione di traino Novartis (+0,57%), mentre si defilano gli altri due pesi massimi difensivi, Nestlé (-0,20%) e Roche (-0,12%).

Nel mercato allargato occhi puntati su Kudelski (+1,00%), che ieri sera ha annunciato la creazione di una seconda sede principale in Arizona. Also (+7,07%) approfitta di una raccomandazione di Vontobel. Soffre per contro EFG International (-5,69%), dopo che UBS ha dimezzato l'obiettivo di corso.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve