Tutte le notizie in breve

La borsa svizzera si conferma in rialzo in mattinata, dimostrandosi più tonica delle altre piazze continentali grazie al dinamismo di Roche. Alle 11.20 l'indice dei valori guida SMI segnava 8278,39 punti, in progressione dello 0,59% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI guadagnava lo 0,47% a 8938,61 punti.

In generale in Europa regna un'atmosfera di cautela. Considerato il lungo fine settimana - ieri era festa in diverse zone dell'Europa e della Svizzera, mentre lunedì rimarranno chiusi i mercati di New York e Londra - gli investitori tendono a non impegnarsi.

Oggi gli occhi sono rivolti ad Oltreoceano, in vista della seconda lettura del prodotto interno lordo americano del primo trimestre. Il dato è molto atteso, visto che può rappresentare la bussola per un prossimo rialzo dei tassi della Federal Reserve a giugno. A questo proposito vi è interesse anche per un discorso che terrà stasera la presidente Janet Yellen.

Sul fronte interno in evidenza è Roche (+3,63%), che beneficia di buone nuove sul fronte dello sviluppo del farmaco Gazyva. Bene orientati sono gli altri due valori farmaceutici, Novartis (+0,38%) e Actelion (+0,31%), mentre rimane fermo al palo Nestlé (+0,13%).

Negativi si rivelano i bancari bancari UBS (-1,30%), Credit Suisse (-1,20%) e Julius Bär (-0,25%), che si erano messi in evidenza nelle scorse sedute. Non presentano un andamento unitario gli assicurativi Zurich (-0,49%), Swiss Life (-0,20%) e Swiss Re (+0,17%).

In ordine sparso si muovono pure i valori più sensibili ai cicli economici come ABB (+0,29%), Adecco (invariata), Geberit (-0,24%) e LafargeHolcim (+0,77%). Nel segmento del lusso Swatch (-0,30%) appare meno ispirata di Richemont (+0,08%).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve