Tutte le notizie in breve

La mattinata si presenta piatta alla borsa svizzera: alle 11.40 l'indice dei valori guida SMI segnava 8189.00 punti, in progressione dello 0,17% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,19% a 8902,74 punti.

Dopo una partenza in timido rialzo il mercato ha ripiegato, galleggiando intorno alla parità. In primo piano vi sono una volta ancora le incognite riguardo ai tempi della stretta monetaria negli Usa. Fino alla riunione della Federal Reserve del 21 settembre non sono più previste dichiarazioni di esponenti della banca centrale.

Il prezzo del petrolio è oggi in ripresa, dopo essere calato ieri in seguito a un rapporto dell'Agenzia internazionale dell'energia (IEA).

Sul fronte interno gli occhi sono puntati su Richemont (-3,93%), che ha annunciato un calo del fatturato del 14% nei primi cinque mesi dell'esercizio 2016/2017. Non lontano si muove Swatch (-2,93%).

In ordine sparso si presentano i valori maggiormente sensibili alla congiuntura come ABB (+1,10%), Adecco (-0,37%), Geberit (+0,58%) e LafargeHolcim (invariata).

Negativi sono i bancari UBS (-0,93%), Credit Suisse (-0,76%) e Julius Bär (-0,19%). Poco effervescenti appaiono gli assicurativi Zurich (+0,12%), Swiss Life (+0,04%) e Swiss Re (-0,24%).

Cercano di trainare il listino i pesi massimi difensivi Nestlé (+0,45%) e Novartis (+0,19%), mentre si defila Roche (-0,04%).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve