Tutte le notizie in breve

Apertura in ribasso per la borsa svizzera: alle 09.10 l'indice dei valori guida SMI segnava 7852,23 punti, in flessione dello 0,89% rispetto a venerdì, mentre il listino globale SPI perdeva lo 0,97% a 8502,96 punti.

Il mercato è influenzato dal cattivo andamento delle borse asiatiche, Tokyo in primis (Nikkei -3,51% a 16'019,18 punti). Dappertutto pesano le incognite legate alla Brexit e alla politica monetaria praticata dalle bance centrali. Sul fronte interno non aiuta inoltre il corso dell'euro, sceso ai minimi da inizio marzo.

Per quanto riguarda i singoli titoli scarseggiano le notizie di rilievo. Particolarmente sotto pressione sono i valori finanziari come UBS (-1,51%), Credit Suisse (-2,32%) e Swiss Re (-1,91%).

Anche le altre piazze europee hanno avviato le contrattazioni deboli: nel dettaglio vanno segnalate Francoforte (Dax -1,21% a 9715,78 punti), Parigi (Cac 40 -1,22% a 4253,98 punti), Londra (Ftse-100 -0,61% a 6078,29 punti) e Milano (Ftse Mib -1,59% a 16'848 punti).

Wall Street ha chiuso venerdì in negativo (Dow Jones -0,67% a 17'865,34 punti, Nasdaq -1,29% a 4894,55 punti).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve