Tutte le notizie in breve

La Borsa svizzera prosegue anche nel pomeriggio in rialzo, diminuendo leggermente i guadagni della tarda mattinata: alle 15.00 circa l'indice dei valori guida SMI segnava 8'166.61 punti, in aumento dello 0,16% rispetto a ieri.

Il listino globale SPI guadagnava lo 0,21% a 8'887.13 punti.

A trascinare in alto il mercato azionario elvetico è il colosso alimentare Nestlé (+1,28%), che riesce più che a compensare le perdite segnate dagli altri due pesi massimi difensivi Novartis (-0,57%) e Roche (-0,49%). Nestlé ha annunciato oggi di aver raggiunto nel primo semestre 2016 un utile netto in calo del 10% a 4,1 miliardi di franchi su base annua. Allo stesso tempo però le vendite sono progredite del 3,5%, a 43,2 miliardi di franchi.

Tra le blue chip, oggi ha presentato i risultati semestrali anche Swisscom, che per il momento è la maglia nera del gruppo (-2,84%), nonostante un utile nei primi sei mesi del 2016 di 788 milioni di franchi, contro 784 milioni nello stesso periodo dello scorso anno (+0,5%), e un fatturato anch'esso in aumento (+0,2%) a 5,77 miliardi.

Gli altri titoli delle blue chip in calo attualmente sono: i bancari Julius Bär (-0,57%) e UBS (-0,92%), gli assicurativi Swiss Re (-0,73%) e Zurich Insurance (-0,44%), nonché Actelion (-0,31%) e Syngenta (-0,13%).

A livello europeo, poco prima di mezzogiorno sono arrivati i dati riferiti all'Eurozona sull'inflazione a luglio, che ha continuato il suo rialzo, arrivando a 0,2% dopo lo 0,1% di giugno; e sulla produzione edilizia di giugno, rimasta stabile, confermando il trend di maggio.

A livello internazionale, di poco fa invece il dato sulle richieste di sussidio di disoccupazione negli Stati Uniti, diminuite di 4'000 unità la scorsa settimana a quota 262'000 da 266'000 della settimana prima. Il dato è inferiore alla stima media di 265'000 unità.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve