Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La seduta rimane di piccolo cabotaggio alla borsa svizzera, che galleggia pigramente intorno alla parità. Alle 15.00 l'indice dei valori guida SMI segnava 8454,44 punti, su dello 0,06% rispetto a ieri, mentre il listino globale SPI guadagnava lo 0,07% a 9205,44 punti.

Gli investitori continuano a mostrarsi reticenti ad impegnarsi, consapevoli che nel finale di giornata potrebbero dover mettere mano con fermezza al timone: alle 17.00, mezz'ora prima della fine delle contrattazioni sul vecchio continente, comincerà infatti la tanto attesa conferenza stampa del presidente eletto americano Donald Trump.

Le aspettative riguardo alle riforme fiscali e al potenziamento della spesa statale sono elevate e pure grande è di conseguenza il potenziale di delusione. D'altra parte se Trump soddisferà o addirittura supererà le aspettative i corsi potrebbero tornare a salire sensibilmente, con il Dow Jones che potrebbe balzare per la prima volta nella storia oltre la soglia psicologica dei 20'000 punti.

L'atmosfera è comunque al momento calma, come testimoniato dall'indice di volatilità, sceso ai minimi da un anno a questa parte. L'attenzione dei mercati è inoltre già rivolta a venerdì, quando tre grandi banche presenteranno i risultati del quarto trimestre 2014.

Sul fronte interno per quanto riguarda i singoli titoli in evidenza rimane ABB (+2,08%), che beneficia di una raccomandazione di Merrill Lynch. Non hanno un orientamento comune gli altri valori particolarmente sensibili alla congiuntura come Adecco (invariata), Geberit (+0,41%) e LafargeHolcim (-1,21%). Nel segmento del lusso Swatch (-0,21%) appare più in difficoltà di Richemont (+0,49%), che domani informerà sugli affari nel periodo natalizio.

In ordine sparso si muovono i bancari UBS (-0,06%), Credit Suisse (+0,25%) e Julius Bär (-0,55%). Nello stesso comparto finanziario stanno ripiegando dai massimi di giornata gli assicurativi Zurich (-0,11%), Swiss Life (+0,34%) e Swiss Re (+0,05%).

Arretra Actelion (-1,21%), ieri assai ricercata dopo voci riguardo al prezzo offerto da Johnson&Johnson per l'acquisizione. Negativi sono anche gli altri due valori farmaceutici, Novartis (-0,46%) e Roche (-0,58%). Svolge per contro una funzione di traino Nestlé (+0,67%).

Completano lo scacchiere dei 20 titoli principali Givaudan (+0,49%), SGS (+0,62%), Swisscom (+0,19%) e Syngenta (+1,31%).

Nel mercato allargato GAM (-4,13%) ed Evolva (-5,17%) scendono in seguito a giudizi negativi degli analisti. In evidenza sono invece Wisekey (+3,19%), Dottikon (+14,04%) e Santhera (+10,74%). Sika (+0,46%) ha annunciato una piccola acquisizione in Austria.

SDA-ATS