Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Al termine di una seduta trascorsa attorno alla linea di demarcazione, gli indici della Borsa svizzera hanno chiuso in chiaro calo con il peggioramento di Wall Street: l'SMI ha ceduto lo 0,45% a 8'135.15 punti, l'SPI lo 0,43% a 8'878.33 punti.

"In realtà gli impulsi non mancano, solo che vanno in direzioni diverse", ha osservato in giornata un operatore citato dalla Reuters. Il rafforzamento del dollaro - che migliora le possibilità di esportazione per le imprese svizzere - e dati congiunturali europei migliori delle attese rallegrano gli investitori.

Ma le elezioni negli Stati Uniti, il referendum in Italia e gli sviluppi relativi ai tassi negli USA nonché le conseguenze indeterminate della Brexit rappresentano fattori di incertezza, ha spiegato. Anche l'avvio della stagione dei trimestrali americani non è stato propriamente positivo: Alcoa ha deluso le aspettative. I risultati del gigante dell'alluminio viene considerato un indicatore per l'intera congiuntura a stelle e strisce.

Tra le blue chip elvetiche si è messo oggi in evidenza il lusso: Swatch e Richemont sono salite rispettivamente del 4,10% a 291.90 franchi e del 3,60% a 63.35 franchi dopo trimestrali sopra le attese della concorrente francese LVMH.

In forte progressione anche Adecco (+1,25% a 56.90 franchi), apparentemente in seguito a cifre positive sul lavoro temporaneo in Francia, mentre tra gli altri ciclici LafargeHolcim ha ceduto l'1,43% a 51.85 franchi, ABB l'1,33% a 22.19 franchi e Geberit lo 0,35% a 423.90 franchi. Pesanti anche Givaudan (-1,72% a 1947 franchi), Actelion (-1,59% a 166.60 franchi), SGS (-0,97% a 2154 franchi) e Syngenta (pure -0,97% a 420.20 franchi).

Sotto pressione sono stati anche gli assicurativi - Zurich -0,97% a 255.90 franchi, Swiss Re -0,68% a 87.70 franchi e Swiss Life -0,59% a 253.10 franchi - mentre hanno chiuso contrastati i bancari, con Credit Suisse salita dello 0,15% a 13.18 franchi, UBS scesa dello 0,15% a 13.61 franchi e Julius Bär in calo dello 0,12% a 40.67 franchi. Quanto ai pesi massimi difensivi, Nestlé ha perso lo 0,46% a 75.35 franchi, Novartis pure lo 0,46% a 76 franchi e Roche lo 0,87% a 238.90 franchi. In controtendenza, oltre alle già citate, Swisscom (+0,27% a 453.20 franchi).

Nel mercato allargato da segnalare Bossard, che ha presentato oggi un fatturato trimestrale lievemente superiore alle attese degli analisti. Dopo essere arrivata a salire di oltre il 2% il titolo ha terminato le contrattazioni con un modesto +0,08% a 131.30 franchi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS