Tutte le notizie in breve

La borsa svizzera ha concluso la settimana in ribasso, confermando l'orientamento delle ultime sedute: l'indice dei valori guida SMI ha chiuso a 7'735.60 punti, in flessione dello 0,22%, mentre il listino globale SPI ha perso lo 0,10% a 8'368.97 punti.

Gli scambi resi fiacchi dal ponte festivo si sono un poco animati con le notizie da Oltreoceano riguardanti i dati mensili sul mercato del lavoro USA. Il Dipartimento del Lavoro americano ha annunciato a inizio pomeriggio un rallentamento nel settore, con i posti di lavoro creati in aprile - 160mila contro i 200mila previsti dagli analisti - ai minimi da sette mesi. Il tasso di disoccupazione negli USA è rimasto fermo al 5%, deludendo le attese.

Immediata la reazione delle borse del Vecchio Continente, che hanno accentuato le perdite. A metà pomeriggio i listini hanno reagito all'apertura di Wall Street puntando al rialzo. Alcune borse sono persino riuscite a superare la linea di demarcazione, per poi tornare a scendere verso fine seduta.

Sulla piazza zurighese hanno gravato per tutta la giornata soprattutto i bancari - Julius Bär ha lasciato sul terreno l'1,60% (a 38,146 franchi), CS Group (che martedì pubblicherà i risultati trimestrali, secondo gli analisti in perdita) l'1,32% (a 13,44 franchi), mentre UBS è tornata in zona guadagni dopo le 15.30 chiudendo a +0,53% (a 15,10 franchi) - e da LafargeHolcim (-1,69% a 43,64 franchi). Molto male anche Swisscom (-1,37% a 476,20 franchi) e il comparto del lusso: Richemont ha perso l'1,05% (a 61,25 franchi) e Swatch Group lo 0,88% (a 313,90 franchi).

Flessione pure per i due colossi farmaceutici: Novartis ha lasciato sul terreno lo 0,84% (a 70,75 franchi), Roche l'1,06% (a 234,10 franchi), mentre il terzo peso massimo difensivo, Nestlé, si è mossa per tutta la giornata al al di sopra della parità, chiudendo poi con un guadagno dello 0,71% (a 71,00 franchi).

Poco mossi i ciclici, con ABB in leggera crescita dello 0,65% (a 20,00 franchi), e Geberit (-0,11% a 363,80 franchi) ed Adecco (-0,49% a 60,80 franchi) in perdita. Performance solida invece per Givaudan (+1,06% a 1901,00 franchi) e Syngenta (+1,09% a 390,00 franchi).

sda-ats

 Tutte le notizie in breve