Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa svizzera ha chiuso l'ultima seduta della settimana in territorio negativo con l'indice SMI dei titoli guida in calo dello 0,31% a 8'379,57 punti, mentre l'indice complessivo SPI è sceso dello 0,25% a quota 9'152,03.

Sui listini hanno pesato soprattutto i bancari senza contare che prima del weekend gli investitori hanno proceduto a realizzi di guadagno. Ha contribuito a deprimere l'atmosfera il dato sul pil americano, che nel 2016 è cresciuto in media dell'1,6%, in netto calo rispetto al 2,6% del 2015. Nell'ultimo trimestre dell'anno la crescita è stata dell'1,9%, al di sotto delle attese che erano di un +2,2%.

Sulla piazza zurighese al centro dell'attenzione vi è stata UBS, che ha annunciato per l'esercizio 2016 un utile netto di 3,3 miliardi di franchi, in calo del 47% rispetto all'anno precedente, quando aveva però beneficiato di fattori straordinari. La contrazione ha riguardato sia la gestione patrimoniale, sia l'investment banking.

La performance, realizzata in un contesto di mercato difficile e in un momento di incertezze geopolitiche, è risultata migliore delle previsioni degli analisti, ma il titolo in borsa, dopo un avvio debole, ha perso progressivamente terreno (-4,52% a 16.25 franchi), trascinando con sé Credit Suisse (-3,60% a 15.28 franchi) e Julius Bär (-2,70% a 46.09 franchi).

Tra i pesi massimi difensivi il colosso dell'alimentare Nestlé, fiacco ieri, si è ripreso (+0,48% a 73.15 franchi). Novartis non ha registrato variazioni rispetto a ieri (ferma a 71.90 franchi), mentre Roche (+0,25% a 236.30 franchi) ha allungato leggermente il passo. Actelion, in procinto di essere rilevata da Johnson & Johnson per 30 miliardi di dollari, dopo il balzo di quasi il 20% messo a segno ieri è salita ancora, ma solo marginalmente (+0,29% a 272.40 franchi).

Debole il segmento del lusso, in seguito alla pubblicazione ieri delle deludenti statistiche sulle esportazioni orologiere: Swatch ha ceduto l'1,16% (a 350.70 franchi) e Richemont lo 0,19% (a 77.20 franchi). Sul mercato allargato ha informato sull'andamento degli affari SFS Group (+0,64% a 87.00 franchi).

SDA-ATS