Tutte le notizie in breve

Speculazioni su un possibile aumento dei tassi di riferimento negli Stati Uniti da parte della Fed già in giugno hanno depresso l'umore delle Borse. Verso le 11:30 a Zurigo, l'indice SMI dei titoli guida cedeva lo 0,55% a 7930,31 punti.

L'indice completo SPI risultava in flessione dello 0,43% a 8586,22 punti.

Sul mercato principale, solo UBS (+1,66%), Swiss Life (+0,50%), Adecco (+0,34%) e Julius Bär (+0,15%) risultano in crescita. Circa la banca Julius Bär, quest'ultima ha comunicato oggi di aver incrementato al livello record di 305 miliardi di franchi a fine aprile - con un aumento di 6 miliardi rispetto a fine 2015 - i fondi amministrati.

Tra i bancari, Credit Suisse cede l'1,68%. È di oggi la notizia che la grande banca è accusata dalla città di Boston di aver manipolato i prezzi sul mercato obbligazionario americano, in particolare nel settore dei prestiti SSA, ossia emessi dalle amministrazioni e dalle varie autorità. Tra gli altri istituti sospettati figurano la banca giapponese Nomura, Bank of America e Deutsche Bank.

Contribuiscono ad appesantire i listini le vendite sui titoli difensivi Novartis, Nestlé e Roche. Sotto pressione anche i titoli ciclici.

Sul mercato allargato, Orascon development cedeva il 2,03%. Il gruppo alberghiero e immobiliare ha archiviato il primo trimestre con una perdita netta attribuibile agli azionisti di 26,4 milioni di franchi, a fronte di un utile di 3,4 milioni conseguito nei primi tre mesi del 2015.

Swiss Prime Site, gruppo immobiliare solettese, cedeva lo 0,88%. La più grande società immobiliare elvetica quotata in borsa, ha chiuso il primo trimestre con un utile netto in flessione dell'1,5% su un anno a 53,7 milioni di franchi.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve