Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La borsa svizzera prosegue la seduta in territorio positivo, con l'indice SMI dei titoli guida che in fine di mattinata segna un progresso dello 0,66% a 8'481,82 punti, mentre l'indice complessivo SPI sale dello 0,60% a quota 9'286,78.

In generale le Borse europee sono ben intonate dopo i nuovi record di Wall Street e le parole della presidente della Fed, Janet Yellen, che ha confermato la volontà di precedere a una stretta sui tassi americani.

Sulla piazza zurighese continua la progressione di Credit Suisse, malgrado l'annuncio della perdita di 2,44 miliardi nell'esercizio 2016 a causa della maxi multa per la vicenda dei subprime. Gli operatori guardano alla performance dell'istituto al netto delle sanzioni e il titolo sta salendo dell'1,85%. Tendenza al rialzo anche per UBS (+1,88%) e per Julius Bär (+0,58%).

Contrastati i valori più sensibili alle variazioni congiunturali: scivolano all'indietro ABB (-0,17%) e Adecco (-0,35%), mentre allungano il passo Geberit (+0,28%) e LafargeHolcim (+0,89%). Syngenta (+0,07%) rimane sopra la linea di galleggiamento: ieri le autorità americane avevano detto di avere bisogno di più tempo per valutare l'acquisizione della società da parte del colosso ChemChina.

Tra i pesi massimi difensivi i farmaceutici Novartis (+0,87%) e Roche (+0,84%) recuperano terreno. In fase ascendente anche il gigante dell'alimentare Nestlé (+0,32%), che domani presenterà i risultati aziendali. Il gruppo biotecnologico Actelion, in procinto di passare sotto il controllo dell'americana Johnson & Johnson (J&J), sta cedendo lo 0,19%.

Sul mercato allargato Schindler, che ha chiuso i libri contabili 2016 con affari e redditività in aumento, sta salendo dell'1,22%

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS