Tutte le notizie in breve

Altre sette persone sono state arrestate nei cantoni di Basilea Città e Campagna per gli episodi di violenza verificatisi il 10 aprile al termine della partita di calcio tra Basilea e Zurigo nella città sul Reno.

A Basilea Città sono stati arrestati sei giovani tra i 19 e i 29 anni, indica oggi una nota della Procura. Per tre di loro è già stata disposta la carcerazione preventiva, per gli altri tre si attende ancora una decisione del giudice competente. Un'analoga richiesta è probabile anche per la persona agli arresti a Basilea Campagna.

Nove poliziotti erano rimasti feriti negli scontri con lanci di pietre, bottiglie e petardi. Due auto della polizia erano state danneggiate e una è stata data alle fiamme. I danni complessivi sono stati valutati a circa 100'000 franchi.

La polizia aveva già arrestato il giorno stesso un 21enne tedesco, tuttora in detenzione preventiva, e un 17enne svizzero, deferito alla Procura dei minori di Basilea Campagna. Entrambi sono accusati di sommossa, lesioni, danneggiamenti e violenza o minaccia contro le autorità e i funzionari.

La Procura basilese ha anche potuto identificare un 27enne gravemente ferito a un occhio da un proiettile di gomma durante i disordini e ha aperto un procedimento contro ignoti per lesioni gravi. La Procura, che continua a cercare foto e video chiarificatori, non ritiene attualmente che il giovane abbia partecipato agli atti di violenza.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve