Tutte le notizie in breve

Un'immagine mostra il Palazzo Federale di Berna, luogo in cui si tengono le sedute dell'Assemblea federale e del Consiglio federale (foto d'archivio).

Keystone/GAETAN BALLY

(sda-ats)

I risultati delle verifiche effettuate dal Controllo federale delle finanze (CDF), che ha il compito di vigilare sull'amministrazione, dovranno essere maggiormente divulgati. Inoltre, la cooperazione fra il CDF e le commissioni della gestione sarà istituzionalizzata.

Queste le principali modifiche contenute nel messaggio al parlamento licenziato oggi dal Consiglio federale.

La revisione, che tiene conto delle richieste espresse dalle Camere federali, non è stata posta in consultazione perché le modifiche riguardano esclusivamente aspetti organizzativi interni all'Amministrazione, spiega il governo in un comunicato.

Le modifiche si prefiggono in particolare di migliorare lo scambio di informazioni tra il CDF e i Dipartimenti interessati, gli uffici, il Consiglio federale, la Delegazione delle finanze e le Commissioni della gestione.

Nel novembre 2014 le Commissioni delle finanze e quelle della gestione delle Camere federali hanno pubblicato un rapporto sull'interruzione del progetto informatico INSIEME, contenente anche diverse raccomandazioni. Il Parlamento chiedeva, inoltre, in una mozione che i risultati delle verifiche del CDF venissero fatti conoscere meglio.

La revisione chiarisce inoltre il rapporto tra il CDF e i servizi di revisione interna dell'Amministrazione federale. Una revisione tra pari (peer review) svolta nel 2015 dalla Corte dei conti europea sul CDF ha evidenziato che l'attuale posizione dei servizi di revisione interna non soddisfa pienamente le pratiche di buon governo stabilite dall'Organizzazione internazionale delle istituzioni superiori di controllo delle finanze pubbliche.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve