Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Palazzo federale a Berna

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

L'anno scorso il Consiglio federale ha raggiunto solo parzialmente i suoi obiettivi strategici. Dei 16 che si era prefissato per il 2016, tre sono stati "totalmente" soddisfatti, quattro lo sono stati "in gran parte" e nove soltanto "in parte".

Le relazioni tra la Svizzera e l'UE, i costi della salute e la lotta contro il riscaldamento climatico sono gli ambiti di cui il governo è meno soddisfatto.

Berna ha saputo sviluppare soltanto in maniera ridotta i suoi rapporti con Bruxelles, pur salvaguardando il suo margine di manovra e i suoi interessi a lungo termine, si legge nel rapporto di gestione del Consiglio federale pubblicato oggi.

Per quanto riguarda la politica europea, "finora non è stata trovata alcuna soluzione consensuale nel quadro delle consultazioni con l'UE riguardo alla gestione dell'immigrazione", sottolinea il governo.

A causa delle questioni sulla libera circolazione delle persone, rimaste in sospeso fino alla sessione invernale delle Camere federali, altri ambiti non hanno potuto essere portati avanti come previsto: tra gli obiettivi raggiunti soltanto parzialmente vengono citati la partecipazione della Svizzera alla lotta contro i cambiamenti climatici e l'approvvigionamento in energia del Paese.

Costi della salute

Il Consiglio federale non è neppure riuscito a "contenere i costi della salute, migliorare le qualità delle cure e rafforzare la trasparenza nel settore sanitario". Anche in questo caso l'obiettivo è stato raggiunto solo in parte.

Un obiettivo è "soddisfatto" quando tutte le misure previste sono state realizzate. È "in gran parte soddisfatto" quando almeno il 75% delle misure sono state adottate e solo "in parte" se sono stati realizzati tra il 25% e il 74% dei provvedimenti. Al di sotto di questa percentuale l'obiettivo "non è soddisfatto".

Tra le priorità del 2016 figuravano il programma di stabilizzazione 2017-2019, la strategia "Svizzera digitale", il messaggio relativo all'incoraggiamento della formazione, della ricerca e dell'innovazione per il periodo 2017-2020, il rapporto sulla definizione del servizio pubblico nel settore dei media, il messaggio sulla cooperazione internazionale 2017-2020, la riforma delle prestazioni complementari, il nuovo rapporto sulla politica di sicurezza della Svizzera nonché la strategia di politica estera per gli anni 2016-2019.

Le commissioni della gestione del Consiglio nazionale e degli Stati esamineranno il rapporto nel corso della primavera. Il suo esame in Parlamento è invece previsto per la sessione estiva in giugno, precisa ancora la nota.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS