Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Christian Levrat (centro) presidente del Partito socialista

KEYSTONE/PETER SCHNEIDER

(sda-ats)

Il presidente del Partito socialista Christian Levrat dalle colonne della SonntagsZeitung sollecita un dibattito sul ruolo dell'islam in Svizzera ed evoca - come già fatto dal presidente del PPD - l'introduzione di un articolo costituzionale sulla religione.

"Dobbiamo riflettere se vogliamo riconoscere l'islam in quanto religione ufficiale"; ciò eviterebbe in particolare di lasciare la formazione e il finanziamento degli imam a cerchie esterne, col rischio del fondamentalismo, afferma Levrat. "Dobbiamo interrogarci su un islam svizzero".

Una questione del genere spetta ai Cantoni, poiché i rapporti tra Stato e religioni sono di loro competenza. Essi dovrebbero riflettere in maniera seria se riconoscere ufficialmente l'islam e potrebbe darsi che al termine del dibattito "un articolo costituzionale veda la luce" secondo il parlamentare friburghese.

A fine luglio era stato il presidente del Partito popolare democratico (PPD) Gerhard Pfister a sollecitare il dibattito sullo Stato di diritto e il fondamentalismo. "Forse - aveva detto - dobbiamo riflettere a un nuovo articolo costituzionale sulla religione", ciò permetterebbe di definire quali valori sono validi per tutti e non negoziabili.

A proposito di migranti, Levrat esige misure immediate per far fronte alla situazione tesa in Ticino e chiede che alla frontiera venga inviato un mediatore per valutare le denunce dei richiedenti asilo e il comportamento delle autorità. Inoltre, secondo il presidente del PS, la Confederazione "dovrebbe mettere in atto, insieme agli enti umanitari e assistenziali, un servizio di consulenza destinato a coloro che non vogliono rimanere in Svizzera ma soltanto attraversarla", per raggiungere il nord dell'Europa.

Se coloro che arrivano in Ticino vengono semplicemente respinti in Italia, la situazione a Como potrebbe diventare come quella di Calais, in Francia. "Sarebbe inaccettabile se migliaia di profughi dovessero trascorrere l'inverno alle porte della Svizzera".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS