Tutte le notizie in breve

Nie Shubin, un giovane cinese della provincia di Hebei, è stato scagionato dalle accuse di rapimento e omicidio di una donna dal secondo tribunale circondariale di Shenyang, sotto la Corte suprema del popolo, a 21 anni dall'esecuzione della sua condanna a morte.

Aveva solo 21 anni quando venne giustiziato. Il caso, già molto discusso e destinato inevitabilmente ad ampliare il dibattito su giustizia, pena capitale e diritti umani, è stato riportato dall'agenzia Nuova Cina, rimbalzando poi sui siti degli altri media ufficiali.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve