Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Non c'è una fase in cui il fumo passivo non faccia male, in particolare per le donne in età fertile e che cercano una gravidanza.

In chi vi si espone, anche prima del concepimento, può avere infatti un impatto persistente tale da alterare lo sviluppo del cervello del feto, compromettendo in particolare le funzioni legate all'apprendimento e alla memoria e anche i circuiti della serotonina, che influenzano l'umore e le emozioni. È quanto emerge da una ricerca del Duke University Medical Center, svolta su topi in laboratorio e pubblicata sulla rivista Toxicological Sciences.

Gli studiosi hanno simulato l'esposizione al fumo passivo acquisendo ed estraendo dei composti chimici del fumo di tabacco e somministrando la soluzione attraverso pompe impiantate negli animali da laboratorio, tutti topolini femmine, in tre fasi diverse: prima dell'accoppiamento, agli inizi della gravidanza e alla fine.

Studiando poi la prole a partire dall'adolescenza e in età adulta, è emerso che l'esposizione al fumo di tabacco in tutti e tre le fasi ha portato i topolini ad avere un'alterata funzione dei circuiti cerebrali che regolano apprendimento e memoria, così come dei circuiti della serotonina che influenzano l'umore e il comportamento emotivo.

Ci vogliono ulteriori approfondimenti per capire esattamente quali possano essere i meccanismi alla base di questi risultati, tuttavia secondo gli studiosi potenziali cause includono gli effetti persistenti di alcuni dei componenti del fumo, che possono rimanere nel corpo per diversi giorni dopo l'esposizione.

Inoltre, è possibile che le sostanze chimiche possano cambiare il metabolismo o lo stato ormonale delle future mamme, o potrebbero essere la causa di una alterazione nelle ovaie, che colpisce l'attività dei geni che controllano la funzione del cervello del feto.

SDA-ATS