Tutte le notizie in breve

Il consigliere di Stato zurighese PS e responsabile della sicurezza cantonale Mario Fehr (foto d'archivio).

KEYSTONE/PASCAL MORA

(sda-ats)

Il burqa non deve esserci in Svizzera. È quanto sostiene il responsabile della sicurezza cantonale, nonché consigliere di Stato zurighese Mario Fehr (PS). Le donne completamente coperte non devono essere ammesse.

"Non posso essere cordiale con le turiste se non vedo il loro volto", afferma Fehr in un'intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung". In una società liberale tutti mostrano il proprio viso. "Non dobbiamo permettere che singoli turisti girino per la Bahnhofstrasse con le loro donne coperte", aggiunge Fehr precisando di non avere alcuna indulgenza per un comportamento del genere.

Il consigliere di Stato reputa invece "interessante" l'esperienza del Ticino con il divieto di dissimulare il viso. È importante il messaggio che viene trasmesso: agli stranieri viene segnalato che sono i benvenuti "ma che in tale cantone o in tale Paese deve essere mostrato il volto". La valenza è esattamente la stessa della stretta di mano a scuola: "Una comunità non dovrebbe allontanarsi dai propri valori", sottolinea Fehr.

In maggio il Consiglio di Stato zurighese ha chiaramente respinto un'iniziativa parlamentare dell'Unione democratica federale (UDF) per vietare la completa dissimulazione. L'interdizione reca danno alle donne che vengono obbligate a portare il burqa, metteva in guardia allora il Partito socialista. Il Partito liberale radicale (PLR) sosteneva inoltre che a Zurigo è raro incontrare donne coperte dal burqa e che in tali pochi casi si tratta comunque di turiste, che fanno i loro acquisti nella rinomata Bahnhofstrasse di Zurigo.

In Ticino il divieto è entrato in vigore il primo di luglio. A livello nazionale è in corso una raccolta di firme per l'iniziativa popolare "Sì al divieto di dissimulazione del viso". I promotori del cosiddetto Comitato di Egerkingen, fondato dall'ex consigliere nazionale Ulrich Schlüer (UDC/ZH) e dal consigliere nazionale Walter Wobmann (UDC/SO) - tra l'altro all'origine quest'ultimo dell'iniziativa anti minareti, n.d.r -, hanno tempo fino al 15 settembre 2017 per raccogliere le 100'000 firme necessarie.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve