Tutte le notizie in breve

E' pronta la più completa mappa 3D della Via Lattea, a realizzarla è Gaia, il satellite lanciato nel 2013 dall'Agenzia Spaziale Europea (Esa). La prima parte dei dati, un catalogo di oltre 2 milioni di stelle viste nel primo anno di attività, sarà pubblicato domani.

La mappa potrebbe rivoluzionare il mondo dell'astronomia fornendo uno strumento senza precedenti per capire com'è fatta la nostra galassia, svelare molti misteri della materia oscura e misurare l'espansione dell'universo.

Distante 1,5 milioni di chilometri dalla Terra, Gaia in questi anni sta scansionando l'intera volta celeste per misurare distanza, luminosità e spostamenti di moltissime stelle della galassia, con una precisione 10 volte maggiore rispetto alle precedenti mappe.

Realizzato da una cordata di imprese guidata da Airbus Space and Defence, il satellite ha avuto un inizio missione travagliato a causa di vari inconvenienti tecnici che però non ne hanno compromesso di molto la funzionalità e la mappa che sta realizzando sarà uno strumento per capire molti dettagli non solo sull'evoluzione della Via Lattea ma anche per mappare l'invisibile materia oscura.

Dalla velocità di rotazione delle stelle attorno al centro galattico sarà misurato il campo gravitazionale delle regioni più interne della Via Lattea. Le osservazioni porteranno anche alla scoperta di migliaia di nuovi pianeti extrasolari e a misurare con molta più precisione la distanza delle altre galassie e quindi capire la velocità di espansione dell'universo.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve