DFAE critica Israele per legge colonie, fiducia "seriamente scossa"


 Tutte le notizie in breve

Una colonia ebraica in Cisgiordania

Keystone/EPA/JIM HOLLANDER

(sda-ats)

Dopo l'adozione in Israele della "legge sulla regolarizzazione" delle colonie ebraiche su terre private palestinesi in Cisgiordania la fiducia della Svizzera "nell'impegno del governo israeliano per una soluzione a due Stati è seriamente scossa".

Lo afferma il Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae), contattato oggi dall'ats.

Il Dfae chiede al governo dello Stato ebraico in una presa di posizione di "riaffermare il suo attaccamento alla soluzione a due Stati, in particolare con la cessazione immediata di misure unilaterali che ne compromettono la realizzazione", soprattutto l'insediamento di nuove colonie, che "costituisce un ostacolo alla pace".

La Svizzera, che tiene molto alla soluzione dei due Stati, costata che l'approvazione lunedì della nuova legge da parte del parlamento israeliano rende questa soluzione "ancora più difficile". Berna continuerà tuttavia ad appoggiare gli sforzi internazionali per "il rilancio di un processo di pace credibile". Il Dfae ritiene che "qualsiasi futuro processo di pace dovrebbe anche implicare pienamente i paesi arabi".

La diplomazia elvetica si impegna inoltre negli sforzi per rafforzare l'unità palestinese. Essa auspica una "autorità legittima ed efficace, in grado di parlare e di negoziare a una sola voce in nome di tutti i Palestinesi". Per questo - afferma il Dfae - bisogna lavorare per ridurre la divisione tra Ramallah (Cisgiordania) e Gaza.

"Lo spazio democratico si riduce, come pure la fiducia dei Palestinesi nelle loro istituzioni", continua il dipartimento diretto da Didier Burkhalter. Per il Dfae "non bisogna più aspettare a indire elezioni palestinesi, locali e poi generali".

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve