Tutte le notizie in breve

Il consigliere federale Didier Burkhalter (foto d'archivio)

Keystone/MANUEL LOPEZ

(sda-ats)

Se gli svizzeri dovessero votare oggi su un accordo quadro istituzionale con l'Unione europea (Ue), questo avrebbe poche possibilità di essere accettato. È quanto sostiene il consigliere federale Didier Burkhalter in un'intervista alla NZZ am Sonntag.

Burkhalter aggiunge di essere "riconoscente" del fatto che il dibattito sia stato rilanciato da Christoph Blocher.

"Grazie alla campagna di Blocher, discutiamo di nuovo sul contenuto di questo accordo", ha dichiarato il responsabile del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE). Burkhalter è convinto che la discussione mostrerà che l'unica soluzione per assicurare i bilaterali alle generazioni future sia un accordo quadro.

Lo stratega UDC ed ex consigliere federale Blocher ha lanciato venerdì una campagna contro questo progetto d'accordo. Il suo comitato "contro un'adesione strisciante all'Ue" teme in primo luogo l'acquisizione automatica della legislazione europea e il prevalere del diritto europeo su quello svizzero.

Burkhalter da parte sua difende il principio di un accordo quadro istituzionale. "Se abbiamo accesso al mercato europeo, non possiamo utilizzare la nostra legislazione, occorrono regole per tutti", ha sottolineato. E se queste cambiano, è necessario adattare anche le leggi svizzere. "Combattendo tale accordo Christoph Blocher mette in pericolo il bilateralismo", ha aggiunto.

Per il responsabile del DFAE, la Svizzera si trova in una situazione relativamente confortevole in quanto non è in una posizione di richiedente. L'Ue auspica di negoziare un accordo quadro istituzionale con la Svizzera dal 2008, la Confederazione ha accettato solo nel 2014. D'altra parte per la Svizzera al momento non vi è alcun nuovo accordo urgente in materia di accesso al mercato.

Se ciò cambiasse e dovessimo avere assolutamente bisogno di un nuovo accordo, l'Unione europea potrebbe fare pressione affinché la Svizzera accetti prima di tutto l'accordo quadro. Berna si troverebbe in una situazione di postulante e sarebbe quindi in una posizione più debole, ha concluso Burkhalter.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve