Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dal primo gennaio i Cantoni sono interamente responsabili della promozione sia dei risanamenti energetici dell'involucro degli edifici, sia delle energie rinnovabili, della tecnica e del recupero del calore residuo negli stessi.

È quanto prevede la riorganizzazione del Programma Edifici di Confederazione e Cantoni.

Questi ultimi possono in tal modo adattare in modo mirato i programmi alla propria regione, precisa una nota odierna dell'Ufficio federale dell'energia (UFE). Il finanziamento avviene come già sinora attraverso i proventi della tassa sul CO2, che Berna versa ai Cantoni esclusivamente sotto forma di contributi globali, e i mezzi di promozione cantonali.

Gli edifici sono responsabili di un terzo delle emissioni di CO2 e del 40% del consumo di energia in Svizzera, ricorda l'UFE. Questo programma, varato nel 2010, mira a ridurre notevolmente consumo di energia negli immobili ed emissioni di CO2.

La riorganizzazione, stabilita nella riveduta ordinanza sul CO2, segue le raccomandazioni del Controllo federale delle finanze e della Delegazione delle finanze delle Camere federali. maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.dasgebaeudeprogramm.ch.

SDA-ATS