Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una giovane egiziana di 18 anni è stata trovata dalla polizia legata con catene al collo e manette alle mani all'interno della casa dove viveva con i propri genitori, che sono stati arrestati.

A raccontare questa storia di orrore in un piccolo villaggio nel sud del Paese è il sito di informazione Youm 7. La ragazza, malnutrita e con piaghe e lividi, veniva anche torturata sadicamente dalla matrigna da oltre un anno.

"Dopo il divorzio mio padre si è risposato ma la mia matrigna ha iniziato a trattarmi male e a darmi legnate - ha raccontato la ragazza in un video mostrando i lividi e le piaghe -. Allora le ho rubato dei soldi e sono scappata ma mi hanno ripreso, hanno comprato delle catene e mi hanno imprigionata. Mangiavo solo pane e acqua che mi veniva gettato per terra, e poi mi riempivano di botte". La matrigna si è difesa e ha affermato di avere eseguito gli ordini del marito che aveva deciso di incatenare la giovane per evitare che scappasse.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS