Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una delle due scatole nere del volo Egyptair inabissatosi il 19 maggio scorso nel Mediterraneo con 66 persone a bordo.

KEYSTONE/EPA CIVIL AVIATION MINISTRY/CIVIL AVIATION MINISTRY

(sda-ats)

"Incendio". È la parola registrata e pronunciata nella scatola nera che contiene le conversazioni in cabina di pilotaggio (il "cockpit voice recorder" o "Cvr") del volo Egyptair inabissatosi il 19 maggio scorso nel Mediterraneo con 66 persone a bordo.

Lo ha reso noto la Commissione d'inchiesta egiziana sullo schianto precisando però che "è prematuro saltare a delle conclusioni" su quanto è accaduto.

A fine giugno gli inquirenti egiziani avevano annunciato che i dati estratti da una delle due scatole nere dell'Airbus mostravano una "compatibilità" con i messaggi automatici di allarme che avevano segnalato "fumo" a bordo. Nel comunicato odierno - numero 25 - la Commissione conferma che sta proseguendo le analisi delle informazioni contenute nelle due scatole nere, la Fdr (Flight Data Recorder) che registra i parametri tecnici fondamentali di volo, ed in quella Cvr.

La Commissione aggiunge che la nave John Lethbridge è giunta al porto di Alessandria dopo avere terminato la sua missione nella ricerca dei resti delle vittime e avere esaminato il fondo del mare dove si è schiantato l'aereo, assicurando di avere recuperato tutti i corpi, che saranno poi trasportati al Cairo per tutte le analisti del caso.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS