Tutte le notizie in breve

Con la Mara Salvatrucha, la più nota e temuta gang di delinquenti del Salvador, non si scherza. Lo ha scoperto il calciatore uruguayano Sebastian Abreu, quando si è visto obbligato a cambiare il numero della maglia con la quale scenderà in campo.

Appena arrivato nel paese centroamericano, infatti, Abreu - noto come "El Loco" per il suo stile di gioco eccentrico - è stato presentato dai responsabili della squadra con una maglia che portava lo stesso numero che ha usato in più di 20 anni di carriera calcistica: il 13.

Poco dopo, però, i responsabili del club hanno spiegato all'uruguayano quello che hanno definito eufemisticamente "la realtà nella quale vive il nostro paese", e cioè che siccome il numero 13 è identificato con la Mara Salvatrucha, le squadre di calcio locali non lo usano più per i loro giocatori, giacché potrebbe essere visto come una mancanza di rispetto verso la gang criminale.

Abreu ha reagito con filosofia, dichiarando: "Se non posso usare il 13 allora userò il 22, che è il numero di squadre nelle quali ho giocato durante la mia carriera".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve