Tutte le notizie in breve

Il gruppo chimico industriale grigionese Ems-Chemie ha registrato nel primo semestre un utile netto di 215 milioni di franchi, in crescita del 16,1% rispetto allo stesso periodo del 2015.

Gli altri risultati erano già stati resi noti a metà luglio. In quell'occasione, Ems-Chemie aveva annunciato un fatturato in rialzo del 3,7% su base annua a un miliardo di franchi.

Rispetto al 15 luglio scorso la redditività del gruppo, che fa capo alla famiglia Blocher, è stata leggermente ritoccata verso l'alto: l'utile operativo Ebit risulta in progressione del 17% (in precedenza +16,6%) a 265 milioni di franchi (264 milioni). Dal canto suo, l'Ebitda è salito del 15,6% (15,2%) a 291 milioni di franchi (290 milioni).

La divisione Specialità chimiche ha registrato una crescita del 5,1% a 134 milioni. Nella nota l'azienda grigione precisa che tale risultato è da imputare alla buona congiuntura mondiale. Ems-Chemie è cresciuta in tutti i settori, sottolinea il comunicato.

Nella divisione principale Polimeri, che ha tra i propri clienti principali il settore automobilistico, EMS-Chemie può vantare una crescita dei ricavi su un anno del 3,5% a 868 milioni.

Per l'insieme dell'esercizio, già in luglio l'azienda aveva confermato i propri obiettivi, puntando a una "crescita modesta" delle vendite. A fine giugno, Ems-Chemie aveva in organico 2'850 persone, contro 2'869 a fine dicembre.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve