Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La consegna delle firme alla Cancelleria federale, lo scorso 19 gennaio

Keystone/MARCEL BIERI

(sda-ats)

Il destino della Strategia energetica 2025 sarà deciso il 21 maggio alle urne. Il referendum promosso dall'UDC è infatti riuscito, avendo raccolto 68'390 firme valide.

La riuscita del referendum, sostenuto anche da Alleanza energia, è stata segnalata oggi dalla Cancelleria federale. Le firme presentate erano state 68'755.

La Strategia mira a una svolta verde. Nessuna nuova centrale nucleare dovrà essere costruita e l'energia atomica dovrà essere progressivamente sostituita da quella prodotta con vento, sole, acqua o rifiuti.

Economie domestiche e imprese dovranno partecipare allo sforzo riducendo il consumo energetico del 43% rispetto all'anno 2000. Per i democentristi, è proprio qui che sta il problema. L'obiettivo non sarà realizzabile se non con uno sforzo economico pari a circa 200 miliardi di franchi. Questo equivale ad un esborso di 3200 franchi all'anno per ogni economia domestica. Da qui era partito il referendum.

SDA-ATS