Tutte le notizie in breve

Esperimenti sugli animali in aumento in Svizzera (foto simbolica d'archivio).

KEYSTONE/AP/ROBERT F. BUKATY

(sda-ats)

Nel 2015 in Svizzera sono stati impiegati 682'000 animali a scopi sperimentali, pari a un aumento del 12,5% rispetto all'anno precedente.

Il motivo è da ricondurre a studi comportamentali effettuati su grandi effettivi, si legge in un comunicato odierno dell'Ufficio federale della sicurezza alimentare e di veterinaria (USAV).

Il numero di animali utilizzati è aumentato di 75'000 unità, mentre si è riscontrato un lieve calo del numero di specie. L'aumento del numero di animali si spiega con singoli studi condotti su molti esemplari, in particolare pesci (+23'000), anfibi (+25'000), pollame (+11'000) e topi geneticamente modificati (+22'000).

L'incremento è strettamente legato al tipo di esperimento, continua la nota. Nell'ambito di un progetto sugli anfibi, ad esempio, sono stati allevati in laboratorio 23'000 girini. Questi sono stati poi liberati in diversi luoghi e tenuti sotto osservazione. Lo scopo era di riconoscere i fattori che influiscono sullo sviluppo in condizioni ambientali diverse.

Anche nel 2015 quasi tre quarti degli animali da laboratorio erano roditori (72%). Nella maggior parte dei casi il numero delle altre specie utilizzate, quali uccelli, animali da compagnia, animali da reddito, conigli, primati e altri mammiferi, è lievemente diminuito.

Oltre tre quarti degli animali era sottoposto a esperimenti con livello di gravità 0, ovvero senza sofferenza. Il 2% era invece sottoposto a sperimentazioni di gravità 3, quella massima. Per gli esperimenti nell'ambito dei cosmetici o dei prodotti del tabacco non sono stati utilizzati animali.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve