Tutte le notizie in breve

Un'immagine mostra il luogo in cui si è verificata l'esplosione per una fuga di gas a Milano.

Keystone/EPA ANSA/SALVATORE GARZILLO

(sda-ats)

"Certamente c'entra il gas, e i vigili del fuoco stanno eseguendo gli accertamenti", ha affermato l'assessore alla Sicurezza di Milano Marco Granelli riferendosi all'esplosione avvenuta questa mattina in una palazzina di via Brioschi costata la vita a tre persone.

In precedenza, un altro assessore, quelli ai Lavori Pubblici, Carmela Rozza, aveva parlato di "esplosione importantissima".

"La situazione è preoccupante - ha aggiunto Granelli -. Ho sentito il sindaco, ora sto andando da lui. Stiamo fornendo la massima assistenza per le persone che sono rimaste coinvolte". L'assessore ha spiegato che è già stato predisposto l'alloggio in albergo per chi non può rientrare in casa.

Intanto sono stati identificati l'uomo e la donna che si trovavano in uno degli appartamenti colpiti dall'esplosione. Entrambe le vittime avevano 27 anni. Nell'esplosione, oltre ai due, è morta anche la madre di due bambine, che sono ricoverate in ospedale, come si trova in ospedale anche il loro padre.

Anche tre agenti di polizia sono dovuti andare al nosocomio per alcune contusioni e ferite subite. Si tratta dei primi tre agenti giunti sul posto nell'immediatezza per soccorrere le persone coinvolte. Sono stati colpiti da calcinacci e altro materiale caduto dallo stabile e sono andati in ospedale per farsi medicare.

Nel 2016 i vigili del fuoco sono intervenuti in tutta Italia per 38 esplosioni dovute al gas. Gli interventi per segnalazioni di fughe di gas sono stati invece 10'625. Nel 2015 le esplosioni sono state 177 e gli interventi per fughe di gas ben 23mila.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve