Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Cresce l'opposizione di rappresentanti dei partiti borghesi contro la Riforma III. Oggi politici comunali di tutti i partiti - UDC, PLR, PPD, PBD e Verdi liberali - hanno fondato un comitato contro la proposta in votazione il 12 febbraio.

Un NO a questo progetto permetterà di realizzare una Riforma che tenga conto anche degli interessi dei comuni e delle città, hanno spiegato.

Per molti comuni e città le conseguenze finanziarie della Riforma III saranno gravissime, dell'ordine di milioni. I comuni avrebbero solo tre possibilità: aumentare l'indebitamento, sopprimere prestazioni e servizi o aumentare l'imposta sul reddito alle persone fisiche, precisa il comitato. Nessuna di queste soluzioni è auspicabile.

A pagare saranno la classe media, le piccole e medie imprese e i normali contribuenti, ha detto il presidente del nuovo comitato e sindaco di Regensdorf Max Walter (UDC), citato nel comunicato. Respingere la proposta in votazione il 12 febbraio permetterà di presentare un progetto più giusto e sostenibile per i comuni.

Contro la Riforma III si sono già espressi anche l'ex consigliera federale Eveline Widmer-Schlumpf (PBD) e l'ex presidente dei direttori cantonali delle finanze Christian Wanner (PLR).

SDA-ATS