Francia: banditismo e criminalità, è Far-West Champs-Elysees


 Tutte le notizie in breve

Poliziotti di guardia sugli Champs-Elysees

Keystone/EPA/IAN LANGSDON

(sda-ats)

Sparatorie, risse, violenze e bande che si "mettono in mostra": la zona degli Champs-Elysees a Parigi è sempre più un far-west, specie in alcune strade celebri per i locali notturni.

Tre persone sono state ferite all'alba di domenica davanti a un night nella strada più pericolosa della zona, rue de Ponthieu. Che si trova nel cuore dell'8/o arrondissement ma che per i residenti è diventata una strada malfamata: "Tutti nel quartiere - spiega un uomo alla tv BFM - sappiamo che in questa strada non bisogna passare fra le 23 e le 7 del mattino". Gli fa eco una donna: "Siamo quasi in una terra di nessuno, abbiamo l'impressione di non trovarci più a Parigi".

Da anni, ormai, gli incidenti notturni si moltiplicano, sparatorie e risse soprattutto. Un poliziotto conferma alla stessa tv che "la strada è sempre più frequentata da criminali, almeno una volta al mese ci sono grosse risse con colpi d'arma da fuoco".

Da tempo, prima il banditismo corso-marsigliese che imperversava nel quartiere, poi le nuove generazioni di piccoli boss di origini maghrebine hanno preso il controllo di parecchie strade. L'uso non è mai cambiato: far mostra di sé e festeggiare le proprie 'imprese' nei locali degli Champs-Elysees, con notti 'agitate', molto alcol e spesso armi a portata di mano.

Nel 2015, la prefettura ha autorizzato discoteche e night del quartiere a installare portici con metal detector all'entrata.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve