Tutte le notizie in breve

Proprio come nel famoso gioco

KEYSTONE/AP/RICHARD DREW

(sda-ats)

Un po' come gli avvoltoi, divorano i resti morti di ciò che incontrano: sono le proteine Pac Man, che spingono le cellule a divorare le loro vicine moribonde, aiutando così a prevenire le infiammazioni, che fanno da terreno di coltura per tumori e altre malattie.

A individuarle i ricercatori guidati da Naasreen Akhtar, dell'università di Sheffield, il cui studio è pubblicato sulla rivista Developmental cell.

Le proteine Rac1 cambiano la funzione delle cellule, facendole rispondere ai segnali 'mangiami' tralasciati dalle loro cellule vicine morenti, ed eliminandole in modo da ridurre l'infiammazione collegata a diverse malattie, tra cui i tumori.

A questa scoperta i ricercatori ci sono arrivati studiando il seno, per capire come si sbarazza delle cellule morte e del surplus di latte materno quando non serve più. Durante la gravidanza, le cellule epiteliali specializzate nel seno crescono per formare degli alveoli che producono il latte. Quando questo non serve più, gli alveoli muoiono e il seno ritorna allo stato pre-gravidanza.

Studiando questo meccanismo, i ricercatori hanno scoperto che la proteina Rac1 è cruciale sia per la secrezione del latte che per la sua eliminazione.

I fagociti (cioè le cellule che ne divorano altre) infiammatori sono usati dal sistema immunitario per spazzare via le cellule morte nascoste nei tessuti e i liquidi in eccesso. Se ne vengono impiegati troppi per periodi lunghi, possono innescare un'infiammazione nei tessuti, provocando dei danni.

Nei primi giorni dello svezzamento, le cellule epiteliali vive del seno mangiano le loro vicine morte e ingoiano tutte le loro secrezioni, pulendo i canali dal latte vecchio e le cellule morte. Dopo di che i fagociti epiteliali del seno si fanno morire e vengono eliminati da altri fagociti del sistema immunitario. Se ciò non accadesse, i canali del seno si gonfierebbero e si innescherebbe uno stato di infiammazione cronica.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve