Tutte le notizie in breve

Era munito soltanto di armi giocattolo il giovane che ieri si è asserragliato brevemente insieme a quattordici persone nel cinema di un centro commerciale di Viernheim, nel land dell'Assia, Germania centro-occidentale.

Lo ha reso noto con un comunicato la Procura di Darmstadt, secondo cui erano fasulle anche le bombe a mano che aveva con s, mentre le pallottole erano a salve.

L'assalitore era dunque del tutto innocuo, anche se per gli inquirenti le teste di cuoio intervenute non avrebbero potuto fare a meno di ucciderlo, come poi effettivamente avvenuto, per non mettere in pericolo la vita degli ostaggi.

Se le generalità dell'aggressore non sono state divulgate, si sa invece che aveva appena 19 anni, che era nativo di Mannheim, a una decina di chilometri dal teatro della vicenda, e che attualmente risiedeva in un'imprecisata località nel nord del Paese.

Tuttora ignoto il movente del gesto: confermato comunque che non era di natura politica nè religiosa o terroristica, e che nessuno è rimasto ferito, a parte i sintomi di intossicazione da gas lacrimogeni accusati da poche persone.

sda-ats

 Tutte le notizie in breve