Tutte le notizie in breve

"Ho deciso di prendermi una piccola pausa". Così Jan Boehmermann, comico tedesco della Zdf, autore di una poesia satirica sul presidente turco Recep Tayyip Erdogan, annuncia sulla sua pagina Facebook la sospensione del suo show.

"Ho deciso di prendermi una piccola pausa televisiva in modo che il pubblico possa concentrarsi sulla cose veramente importanti come la crisi dei rifugiati, le videochat in diretta e la vita sentimentale di Sophia Thomalla, attrice e modella tedesca", scrive il comico ringraziando poi chi lo ha seguito.

"Dalla Saar alla Sassonia, ho ricevuto un'enorme solidarietà per la trasmissione e volevo esprimere il mio ringraziamento", ha aggiunto sul suo profilo. Ieri il governo tedesco ha concesso l'autorizzazione al procedimento penale dopo che Boehmermann aveva declamato la poesia su Erdogan. Alla decisione avevano preso parte, oltre alla cancelliera Angela Merkel, anche il vice-cancelliere Sigmar Gabriel e i ministri di Esteri, Interno e Giustizia.

Merkel si era riferita al paragrafo 103 del codice penale tedesco che prevede, in caso di denuncia di un capo di Stato estero per offese ricevute, la necessità di autorizzazione a un procedimento penale da parte del governo.

La cancelliera in una dichiarazione ufficiale aveva però ammesso divergenze di opinione tra i ministri che avevano partecipato alla decisione. Secondo i media ad esprimere dubbi sull'autorizzazione a procedere sarebbe stato il titolare degli Esteri Frank-Walter Steinmeier.

La decisione presa dal governo di Berlino ha scatenato non poche polemiche. La Zdf l'ha giudicata "una decisione politica", mentre il tabloid popolare e influente come la Bild ha titolato: "Nelle mani di Erdogan".

sda-ats

 Tutte le notizie in breve